JUJITSU

Il Ju Jitsu

Il Ju-Jitsu è l’antica arte marziale dei samurai originaria del Giappone, è conosciuta anche come “Arte della Cedevolezza” ossia cedere alla forza dell’avversario, solo per controllarla e dirigerla contro di esso, un’arte dove tecniche di percussione su punti di pressione, calci, proiezioni, lotta a terra, bloccaggi e leve articolari sono combinate per neutralizzare con facilità un aggressore.

Le sue origini sono incerte. Le prime testimonianze scritte del Ju Jitsu, o Ju Jutsu, risalgono al XVI secolo, durante il periodo Tokugawa. Il periodo Tokugawa segnò un periodo di pace in cui i guerrieri, non più impegnati nei campi di battaglia, poterono dedicarsi ad approfondire e diffondere le loro conoscenze. Prima di allora il Ju Jitsu era una conoscenza che veniva trasmessa dal maestro direttamente al discepolo. Si pensa quindi che le orgini del Ju Jitsu si perdano nella notte dei tempi.

” Ju ” può essere tradotto con “gentile, morbido, flessibile, flessibile, flessibile o cedevole”.” Jitsu ” può essere tradotto con il significato di “arte” o “tecnica” e rappresenta la manipolazione della forza dell’avversario contro se stessi piuttosto che confrontarla con la propria forza.

Alcuni definiscono il jujutsu e arti simili piuttosto restrittivamente come sistemi di combattimento ravvicinato “disarmati” usati per sconfiggere o controllare un nemico che è allo stesso modo disarmato. I metodi di attacco di base includono colpire o colpire, spingere o colpire, calciare, lanciare, bloccare o immobilizzare, strangolare e bloccare le articolazioni.

Dal punto di vista fisico i benefici riguardano lo sviluppo armonico (soprattutto nell’adolescente), l’aumento del tono muscolare, il miglioramento di funzioni come la coordinazione, la mobilit? articolare, la resistenza, la velocit?, i riflessi. Il corpo esercita una ginnastica completa e ricreativa, non dimenticando le stimolazioni metaboliche.

Praticando il Ju Jitsu si scopre come sia completo dal punto di vista fisico; infatti troviamo sia i colpi (atemi), portati con mani, piedi, gomiti, e ginocchia, prerogativa della difesa a distanza, sia le proiezioni, leve articolari, ostruzione delle vie respiratorie e sanguigne, immobilizzazioni, stimolazione di punti sensibili e nervosi, che fanno parte della difesa a contatto con l’avversario, ed infine non è subordinato alla forza sviluppata dai muscoli, in quanto lo sforzo impiegato in un attacco da parte dell’avversario, grazie a leggi fisiche, naturali si trasforma in mezzo di difesa. In sintesi il Ju Jitsu è la fonte riconosciuta di tutte le arti marziali oggi praticate.